IDROTECNICA VINELLA V. Colombo, 21 70017 PUTIGNANO (BA)

Come rifare il bagno sfruttando i vantaggi fiscali del bonus ristrutturazione

Home » Ambienti interni » Come rifare il bagno sfruttando i vantaggi fiscali del bonus ristrutturazione

È da tempo che vuoi rifare il bagno di casa e credi che possa costarti un occhio della testa? Il rifacimento dei bagni della propria casa è ormai il sogno proibito dei proprietari di immobili. Avranno sicuramente un bel salotto, una bella cucina, un bell’arredo, ma il bagno è rimasto quello di vent’anni fa. Al solo pensiero di smantellare piastrelle, sanitari e risistemare tutti gli impianti si alza la tensione, perchè a tutto questo siaggiunge il costo a cui può incorrere una famiglia per questo tipo di lavori.

Del resto si sa, il bagno è la stanza più costosa dell’intero appartamento ed anche la più impegnativa se si decide di intervenire con lavori di ristrutturazione. Rivedere il progetto, trovare le maestranze e scegliere i materiali e i complementi di arredo è davvero una impresa ardua.

Se non hai idea di come e da dove iniziare puoi rivolgerti da noi per una prima consulenza.
Sin da ora ti illustrerò in modo facile come approfittare da subito delle agevolazioni fiscali presenti in questo momento.

Decreto Rilancio: valido anche per servizi igienici

Nel Decreto Rilancio in cui è inserito il Super Bonus per i lavori di efficientamento energetico degli immobili che può arrivare al 110% si accenna anche ai lavori che possono interessare i servizi igienici.

Se nei vani bagno si interviene sostituendo non solo pavimenti e sanitari ma anche con il rifacimento degli impianti, l’intervento nel suo complesso, rientra nella manutenzione straordinaria e, pertanto, le relative spese danno diritto alla detrazione in misura pari al 50% delle spese sostenute, fino al limite massimo di 96.000 euro complessive (detrazione massima 48.000 euro), da ripartire in 10 anni. Pertanto, a fronte di una spesa complessiva di 20.000 euro avrà diritto a una detrazione pari a 10.000 (50%), con quote annuali di 1.000 euro.

Praticamente le detrazioni raggiungono il 50% che non è davvero poco e riprende il Bonus Ristrutturazione per il 2020 e possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti assoggettati all’IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche), non soltanto proprietari degli immobili, ma anche i titolari di diritti reali o personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese come, ad esempio, proprietari o nudi proprietari; titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie); locatari o comodatari; soci di cooperative; imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce; soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Adesso non hai più scuse per rimandare il tuo appuntamento per un casa all’altezza dei tuoi sogni.

Posted on
error

Ti piace questo blog? Condividi sul tuo profilo :)